Senza categoria

La La Land: brindiamo ai sognatori

636192654822484512979344384_maxresdefault

Pochi film (in questo caso musical!) possono vantare quattordici nomination agli oscar e “La La Land” di Damien Chazelle è uno di questi.

I protagonisti di questa vicenda ambientata ad Hollywood in un tempo quasi indefinito tra anni sessanta e presente sono Mia e Sebastian; due sognatori, ognuno con un progetto per il futuro: Mia che fa la barista agli studi della Warner sogna di diventare un’attrice famosa e Sebastian, pianista appassionato di Jazz, vorrebbe aprire un locale tutto suo.  Le vite dei due ragazzi inizialmente si incrociano per caso in varie occasioni: una strada trafficata, un locale in cui Sebastian suona, una festa. Dal loro incontro condivideranno insieme speranze per il futuro, delusioni e si supporteranno a vicenda per superare gli ostacoli che li separano dalla realizzazione dei loro progetti. La loro storia d’amore si articola in varie fasi contrassegnate dalle stagioni: primavera, estate, autunno e inverno, ed  è facilmente immaginabile cosa queste stagioni rappresentino metaforicamente in rapporto con la loro relazione. Mia e Sebastian capiranno infatti ben presto che  i sogni devono necessariamente scontrarsi con la realtà e che anche l’amore può risentirne, perchè non è sempre tutto facile: non è sempre estate.

I punti di forza di questo film sono la musica che non è mai fastidiosa perchè non è troppa come accade in moltissimi musical cinematografici, l’ambientazione “vintage” piena di colori, gli attori protagonisti ( sia Emma Stone che  Ryan Gosling si meritano decisamente la nomination agli oscar), il finale inaspettato e il tema perchè chi non ama il connubio amore/sogni? La la land è un sogno, uno dei più bei film di questi ultimi anni, perchè si discosta da tutto quello che abbiamo visto fino ad ora, ci riporta indietro ai film della vecchia Hollywood e ci trasporta per due ore in un mondo magico ed emozionante.

E’ proprio il caso di citare una delle canzoni del film in cui si dice “brindiamo ai sognatori”, ma noi brindiamo AL sognatore: a Damien Chazelle che, come lui stesso ha detto, ha voluto credere fino in fondo nel suo progetto di un musical anche quando nessun’altro ci credeva e ci regalato questo gioiello.

la-la-land-film-movie-cars-lionsgate-2016-scene-dance-760x315

Annunci
Standard
Senza categoria

Giornata della memoria: cinema,libri e spettacoli teatrali per non dimenticare

immagineCome ogni anno è arrivata la giornata della memoria, a volte certe cose si vorrebbero solo dimenticare, le si vorrebbe mettere in un cassetto chiuso a chiave con su un etichetta con scritto “E’ il passato, non mi riguarda”. Come invece ben sappiamo il passato ci riguarda eccome, e l’olocausto è uno di quei pezzi di storia che non vanno dimenticati, ecco quindi due film,un libro e uno spettacolo teatrale su questo argomento per conoscere aspetti “nuovi” di questa tragedia.

cinema:

“Il labirinto del silenzio”

1958, tutti vorrebbero solo dimenticare, nessuno vorrebbe ricordare i crimini nazisti che vengono cancellati dalla memoria collettiva e catalogati come argomento tabù o come fandonie, un giovane procuratore tedesco inizia a fare ricerche su alcuni criminali nazisti normalmente reintegrati nella società e attraverso le testimonianze dei superstiti dei campi di concentramento dà il via a quello che poi sarà il processo di Francoforte del 1963.

“The Eichmann show”

un film/documentario sul processo ad Adolf Eichman criminale nazista e sulla storia vera dei registi incaricati di trasmettere il processo in diretta tv, un film struggente e angosciante ma necessario.

libri:

“In Italia sono tutti maschi” graphic novel

una graphic novel di Luca De Santis e Sara Colaone edita da Kappa edizioni sul confino degli omosessuali italiani durante il ventennio fascista, racconta in particolare la storia di un gruppo di uomini confinati sull’isola di San Donnino nelle isole Tremiti. I tempi sono due: il passato di “Ninella” che ricorda la sua esperienza  al confino e il presente del giovane documentarista Rocco che lo intervista.

teatro:

“L’istruttoria” Teatro due Parma

Più che uno spettacolo teatrale un rito che si ripete di anno in anno, il regista Gigi Dall’aglio (il 29 gennaio e il 5 febbraio) mette in scena il testo “L’istruttoria” di Peter Weiss, sul processo di Francoforte.

“Un giudice, un difensore, un procuratore, diciotto accusati e nove testimoni anonimi sono i personaggi di quest’opera in undici canti che, come un inferno laico e contemporaneo, trascende la rappresentazione del processo e acquista la liricità di una tragedia antica. Una sorta di viaggio agli inferi, non solo nel tempo ma anche nello spazio, in cui i personaggi, bloccati tra forma e vita, tentano con l’azione di dipingere “l’istante eterno” della storia e del ricordo.” (Fonte teatrodue.org)

Standard
Senza categoria

Viaggio nel fantastico mondo di Wes Anderson

Durante queste feste, che non posso dire di aver vissuto serenamente, ho visto ben due film di Wes Anderson che ho guardato per non pensare per qualche ora immergendomi nel mondo strampalato di Wes.

Ecco i tre film di Wes Anderson che preferisco:

Moonrise Kingdom

il mio preferito in assoluto: dolce e malinconico, l’avrò visto almeno quattro volte e lo riguarderei altrettante! I protagonisti sono Suzy e Sam e il film il cui sottotitolo è “una fuga d’amore” racconta proprio la loro storia d’amore che li porta a scappare insieme da casa per sfuggire ai problemi famigliari. I colori pastello e l’atmosfera retrò anni sessanta sono un mix perfetto per chi ha voglia di sognare…

moonrise-kingdom-prog

 

I Tenenbaum

Erano mesi (se non anni) che mi ripromettevo di guardare questo film, ed ecco che all’improvviso Sky on demand me lo propone tra i “scelti per te”, un segno del destino? sta di fatto che non ho esitato un attimo e ho premuto play! Le aspettative non sono state deluse, anche qui un film malinconico ma velato di comicità, i Tannembaum e la loro strana famiglia sicuramente personaggi anomali ed eccessivi ma quale famiglia non è un pò strana in fondo? Quello che mi piace dei personaggi di Anderson (soprattutto in questa pellicola) è che non devono per forza essere felici e contenti, sono spesso tristi se non addirittura depressi e questo per quanto strani siano ce li fa sentire un pò più vicini a noi, un pò più “normali”. Per chi è romantico come me: adorerete la coppia Margot/Richie.

richie-e-margot-tenenbaum

 

Le avventure acquatiche di Steve Zissou

Uno straordinario Bill Murray con un altrettanto straordinario Owen Wilson ci accompagnano in questa incredibile impresa alla ricerca dello squalo giaguaro. questo film non è solo il racconto della vita di un esploratore e regista in rovina che cerca vendetta per la morte del suo migliore amico, è anche il racconto dei fragili rapporti umani che legano i personaggi: Steve Zissou e suo figlio (forse) Ned in particolare. Un’avventura marina tra sottomarini gialli, pesci rosa fosforescente, pirati e squali maculati accompagnata dalle musiche di David Bowie rifatte da un improbabile chitarrista.

le-avventure-acquatiche-di-steve-zissou-1050x540

 

Standard