Senza categoria

First man: un film sullo spazio, incredibilmente terreno.

Come può un film sullo sbarco sulla luna parlare della vita terrena in modo incredibilmente approfondito ed emozionante?  la risposta la possiamo trovare in “First man” di Damien Chazelle, che il sito Leggo.it ha definito:

“una storia tra la luna e il lavandino di casa”

con questa pellicola il regista di Whiplash e La la land porta in scena, più che lo sbarco sulla luna, la vita di Neil Armstrong (interpretato da Ryan Gosling) il primo uomo a compiere quel “grande passo per l’umanità” che ha consentito all’America di vincere la corsa per la conquista dello spazio contro la Russia: è proprio sullo sfondo di questa sfida fra potenze che la vita famigliare e privata di Neil scorre tra perdita e amore, Immagine correlatadeterminazione e dubbi. Perchè per “il primo uomo” la sfida diventa del tutto personale; un obbiettivo da raggiungere a tutti i costi, l’unica cosa che lo distrae dal dolore che la vita gli ha riservato e al suo fianco a  sostenerlo c’è un incredibile donna, moglie, madre dei suoi figli (Claire Foy) che lo costringe a volte a fare i conti con la realtà più di quanto lui vorrebbe.

Soffrire di claustrofobia non è consentito, Chazelle porta lo spettatore dentro alla navicella, dentro al casco degli astronauti, sballottati all’interno di quelle che negli anni ’60 somigliavano più a scatole di sardine di scarsa qualità che ad innovazioni tecnologiche; e che potevano facilmente trasformarsi in bare. Il giovane regista ci tiene a far capire che il prezzo più alto che la conquista dello spazio ha comportato non è quantificabile in denaro ma in vite umane, che senza uomini coraggiosi e forse, in un certo senso votati al martirio, quel passo sulla superficie lunare non sarebbe mai stato compiuto.

Immagine correlata

La colonna sonora e il montaggio sonoro che dal  rumore assordante passa al completo silenzio sono, insieme alla fotografia che indugia sui dettagli come quello di una mano tra i capelli, la cornice perfetta per un film che si candida a replicare l’incetta di nominations del suo predecessore “La la land”.

 

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...